LA FIABA DI CELESTE


  • LA FIABA DI CELESTE - -1
  • LA FIABA DI CELESTE - 1
  • LA FIABA DI CELESTE - 2
domenica 12 febbraio | ORE 16:30 MAPELLO - Auditorium parrocchiale Giovanni XXIII, via Agazzi
ingresso LIBERO

La fiaba di Celeste è uno spettacolo di animazione, pittura dal vivo e narrazione. Il narratore parla di una bambina che nessuno a scuola vuole vicino a sé e per farle capire che potrà conquistarsi un posto assieme agli altri suoi compagni narra la storia di Celeste che i colori dell’arcobaleno non volevano. Celeste parte per un viaggio nel mondo dei colori, li conosce con i loro pregi e difetti, infine superata una grande difficoltà viene riconosciuto e accettato dagli altri colori fino a comporre l’arcobaleno. Così succede anche alla bambina Celeste che, anche lei accompagnata dal narratore-nonno, dimostrerà le sue capacità e valori e i suoi compagni di scuola la considereranno e la accetteranno gioiosamente.

UNA PRODUZIONE LA PICCIONAIA / DI E CON GIANNI FRANCESCHINI / SCENE DI GIANNI VOLPE / FIGURE DI MARISA DOLCI / MUSICHE DI GIOVANNI E ALESSANDRO FRANCESCHINI

Gianni Franceschini
È attore, pittore e teatrante. Animatore e creatore di una delle prime esperienze di teatro per l’infanzia a Verona, è stato fondatore del Centro Teatro Ragazzi nel 1983 e dal 2000 artista di Viva Opera Circus. Con il figlio Eugenio, attore di cinema e teatro e i nipoti Giovanni e Alessandro, musicisti, dà vita ad una nuova esperienza professionale in cui sviluppare il lavoro compiuto in 35 anni nell’ambito del teatro per le giovani generazioni e quello popolare: sperimentare nuovi sentieri poetici legati alla narrazione, la pittura dal vivo e la musica e consolidare collaborazioni con artisti ed operatori, da tempo suoi collaboratori.

La Piccionaia
La Piccionaia S.c.s Onlus - Centro di produzione teatrale unisce varie identità artistiche intorno ad un progetto di teatro popolare d'arte contemporanea. Quello de La Piccionaia vuole essere un teatro di relazione con il pubblico che concepisce la scena come luogo di incontro che considera lo spettacolo incompleto senza l'apporto del pubblico, di qualunque età, cultura o provenienza.