DECRESCITA TRA PASSATO E FUTURO


  • DECRESCITA TRA PASSATO E FUTURO - -1
venerdì 17 febbraio | ORE 21:00 ARCENE - Sala consiliare, via Carducci 2 - Ingresso da piazza della Civiltà Contadina
ingresso LIBERO

La via della decrescita come processo di autodifesa sociale di liberazione dalla dittatura del mercato, come alternativa al capitalismo assoluto. La decrescita come ricerca di autenticità, condivisione, cooperazione, sostenibilità. Spiega Paolo Cacciari: "Una rivoluzione è già in atto. Si chiama economia solidale, partecipata. Si occupa delle esigenze fondamentali dell'umanità e genera relazioni positive tra le persone e l'ambiente naturale. Non si misura in Pil, non è quotata in borsa, ma trasforma la qualità dei legami interpersonali e comunitari. Ci sono in giro per il mondo una galassia di buone pratiche e un tessuto molteplice di nuove istituzioni della cooperazione sociale che dimostrano come sia possibile immaginare una società capace di futuro, più sostenibile e più giusta."

Paolo Cacciari
Paolo Cacciari è un giornalista attivista dei movimenti sociali, ambientalisti e per la decrescita. Collabora con il sito www.comune-info.net e col settimanale “Left”. È stato per vari periodi assessore al Comune di Venezia occupandosi di partecipazione e ambiente. Ha curato il volume "Agire la nonviolenza", 2004. Ha pubblicato "Decrescita o barbarie", 2008; "Vie di fuga", 2014; "101 piccole rivoluzioni", 2016. È curatore dei volumi: "La società dei beni comuni", 2010 e "Viaggio nell’Italia dei beni comuni", 2012. È coautore del volume "Immaginare la società della decrescita", 2012.