UN TRENO DI PERCHÈ


  • UN TRENO DI PERCHÈ - -1
domenica 30 aprile | ORE 17:00 SOLZA - Castello Colleoni, piazza Bartolomeo Colleoni 1
ingresso LIBERO

Un padre ed il suo piccolo stanno giocando con un trenino. Il padre è sommerso dai tanti perché del suo bambino. Un papà ferroviere, forse capotreno, che aveva sempre voglia di regalare storie a grandi e piccini. Il paese di Rocco erano poche case tra un pascolo e un campo di grano: la scuola, la chiesa, la piccola piazza e la stazione. Tutta la vita era lì. E così la sera, prima di andare a letto, ci si trovava tutti insieme con le famiglie a commentare la giornata, quello che era successo, … a volte le sere erano più speciali quando arrivava il papà di Rocco, che era l’unico abitante di quel paese che viaggiando in treno, vedeva un mondo agli altri sconosciuto. E lui era in grado si rispondere a domande e curiosità di tutti, grandi e piccoli. Ma il momento più speciale per Rocco arrivava quando, entrato a letto, il papà era tutto per lui. Con canzoni dal vivo.

DI E FERRUCCIO FILIPAZZI E LUCIANO GIURIOLA / CON FERRUCCIO FILIPAZZI / IDEA SCENICA DI TININ MANTEGAZZA

Ferruccio Filipazzi, attore, narratore e autore, nel 1973 fonda il gruppo musicale “… e per la strada” realizzando numerose tournée in Italia e all’estero. Lavora con il Centro Teatrale Bresciano e al Teatro Stabile di Torino. Nel 1981 approda al Teatro del Buratto dove lavora per dieci anni, prima come attore e poi anche come autore di testi e musiche. Costituisce compagnie di teatro musicale e produce diversi spettacoli per adulti e ragazzi. Con la scrittrice Giusi Quarenghi mette in scena diversi spettacoli di teatro religioso. Ha letto in piazze, scuole, stazioni, rifugi, corriere, prati, balconi, cantine, montagne, osterie, castelli, barconi, furgoni, ville. Da solo o in compagnia di decine di musicisti.